Riconoscimento crediti da attività universitaria

Di seguito le linee che il Dipartimento di Giurisprudenza, attraverso la Commissione crediti e opzioni, adotta nei casi di riconoscimento crediti da attività universitaria (trasferimenti in arrivo, passaggi di corso di studio, immatricolazioni con abbreviazione di carriera, corsi singoli, reviviscenze decaduti).

 

LINEE GENERALI

PER TRASFERIMENTI DA ALTRA UNIVERSITA', PASSAGGI DA CORSO DI STUDIO DI ALTRO DIPARTIMENTO, IMMATRICOLAZIONI CON ABBREVIAZIONE DI CARRIERA


Al netto e nel rispetto di quanto riportato nei punti successivi, vengono riconosciuti tutti gli esami, superati in altro corso di studi, utili per la convalida degli esami di nostri insegnamenti obbligatori e di nostri insegnamenti opzionali / a scelta libera (attività formativa C / D).

Se presenti nella carriera da valutare, vengono convalidati nell'attività opzionale / a scelta libera ANCHE esami di insegnamenti non attivati nei nostri corsi di studio MA AFFERENTI A UNO DEI SETTORI SCIENTIFICO-DISCIPLINARI PREVISTI NELL'ATTIVITA' C DEI RISPETTIVI ORDINAMENTI. Se il numero di esami supera il fabbisogno previsto dal nostro corso di studio per l'attività opzionale /a scelta libera (C / D), gli esami eccedenti possono essere convalidati in sovrannumero.

Nella convalida degli esami superati in altro corso di studio non vengono accordati arrotondamenti superiori ai 2 crediti. Qualora la differenza di crediti fra l'esame effettivamente superato e l'esame da convalidare sia UGUALE o MAGGIORE di 3 CREDITI, andrà sostenuto un ESAME INTEGRATIVO per la parte restante di crediti.

Gli esami utili per la nostra attività opzionale /a scelta libera vengono riconosciuti per 6 CREDITI.

L'anno di corso di ammissione viene deciso sulla base del NUMERO DI CREDITI CONVALIDATI RELATIVI A NOSTRI INSEGNAMENTI OBBLIGATORI.

SULLA BASE DELL'ANNO DI CORSO DI AMMISSIONE, vengono convalidate d'ufficio tutte le attestazioni di frequenza degli insegnamenti obbligatori previsti, nel corso di studio di arrivo, negli anni di corso precedenti.

Eventuali RICONOSCIMENTI DELL'ATTIVITA' PROFESSIONALE, se ritenuta compatibile con i contenuti del corso di studio e PREVIA SPECIFICA ISTANZA DELLO STUDENTE, possono essere attribuiti solo sull'attività di Tirocinio.

 

PASSAGGI DA ALTRO CORSO DI STUDIO DEL DIPARTIMENTO

 

In questi casi vengono applicate le tabelle di conversione pubblicate a questo link.

 

OBSOLESCENZA DEGLI ESAMI

 

La Commissione crediti e opzioni, in sede di riconoscimento crediti, si riserva di considerare il principio dell’obsolescenza nel caso di ESAMI DI DIRITTO POSITIVO superati OLTRE DIECI ANNI SOLARI PRIMA DEL MOMENTO DELLA VALUTAZIONE.

La regola prevede un margine di elasticità in alcuni casi: 1) quando lo studente, nel corso di studio di arrivo, è comunque tenuto a sostenere secondi esami della stessa materia (ad esempio, Diritto costituzionale II a fronte di un esame di Diritto costituzionale potenzialmente obsoleto e che in questo caso, quindi, verrebbe comunque riconosciuto) o esami di insegnamenti d'area strettamente "collegati" con quello in teoria non più valido [ad esempio, Diritto civile I (Famiglia e successioni) e Diritto civile II (Obbligazioni e contratti) a fronte di un esame di Istituzioni di diritto privato potenzialmente obsoleto e che in questo caso, quindi, verrebbe riconosciuto]; 2) quando lo studente, nel corso di studio di arrivo, è comunque tenuto a sostenere un esame integrativo dell'insegnamento il cui precedente esame sia potenzialmente obsoleto; 3) quando la professione dello studente, se lavoratore, venga ritenuta dalla Commissione crediti e opzioni sufficiente per evincere, nella materia in cui è stato superato l'esame potenzialmente obsoleto, un successivo aggiornamento dei contenuti.

 

ESAMI SUPERATI IN CORSI DI STUDIO NON GIURIDICI O IN CORSI DI LAUREA TRIENNALE DI ALTRO ATENEO

(delibera di massima della Commissione crediti e opzioni - seduta del 2 luglio 2019)

 

Nel caso di studenti iscritti al corso di laurea magistrale in Giurisprudenza (sede di Ferrara o sede di Rovigo), sulla base dei crediti maturati in altra sede / corso di laurea, viene adottata la possibilità del RICONOSCIMENTO PIENO negli esami spendibili nell’attività a scelta di tipo C / D e, fra gli insegnamenti obbligatori, negli esami di Istituzioni di diritto romano, Filosofia del diritto, Politica economica / Economia politica, Storia del diritto medievale e moderno, Sistemi giuridici comparati, Diritto romano, Storia delle costituzioni e delle codificazioni moderne, Metodologia e logica giuridica. In tutti gli altri casi relativi a insegnamenti obbligatori, gli esami potranno essere riconosciuti PER UNA PERCENTUALE NON SUPERIORE AL 50% DEI CREDITI PREVISTI NEL CORSO DI STUDIO DI ISCRIZIONE.

 

Nel caso di studenti iscritti al corso di laurea in Operatore dei servizi giuridici, sulla base dei crediti maturati in altra sede / corso di laurea, viene confermata la possibilità del RICONOSCIMENTO PIENO negli esami spendibili nell’attività a scelta di tipo D e, fra gli insegnamenti obbligatori, negli esami di Elementi di diritto romano, Teoria generale del diritto, Ricerca giuridica e risorse informatiche, Lingua inglese. In tutti gli altri casi relativi a insegnamenti obbligatori, gli esami potranno essere riconosciuti PER UNA PERCENTUALE NON SUPERIORE AL 50% DEI CREDITI PREVISTI NEL CORSO DI STUDIO DI ISCRIZIONE, a meno che gli esami siano stati superati in un corso di studio triennale della medesima classe di laurea (L-14), nel qual caso potranno essere riconosciuti pienamente.

 

ESAMI SUPERATI IN UNIVERSITA' TELEMATICHE

(delibera di massima della Commissione crediti e opzioni - seduta del 2 luglio 2019)

 

Nel caso di trasferimenti da altra sede o di immatricolazioni con abbreviazione di carriera e solo qualora il corso di studio di provenienza sia afferente alla STESSA classe di laurea di quello rispettivamente di arrivo o di nuova immatricolazione, la Commissione, a parità di settore scientifico-disciplinare, delibera di riconoscere gli esami compatibili con l’ordinamento del corso di studio prescelto NON OLTRE LA MISURA MASSIMA DEL 50% DEI CREDITI PREVISTI, SU DI ESSO, DAI SINGOLI INSEGNAMENTI.

Contestualmente, la Commissione adotta la linea del “NON RICONOSCIMENTO” nel caso di esami superati presso università telematiche in corsi di studio di classe di laurea DIVERSA rispetto a quella del corso di arrivo o di nuova immatricolazione.

Nel caso di esami superati in altra sede con la formula del “corso singolo” devono intendersi valide le stesse indicazioni, A PATTO CHE tale corso singolo non venga seguito contemporaneamente all’iscrizione a uno dei corsi di studio di questo Dipartimento, nel qual caso il riconoscimento potrà essere accordato, sempre nella percentuale massima già descritta, solo per gli esami di insegnamenti complementari.

Resta inteso, in tutti i casi e nel rispetto di quanto previsto dal decreto ministeriale 16 marzo 2007 (articolo 3, comma 9), che la quota massima del 50% dei crediti sarà riconosciuta solo se il corso telematico di provenienza risulterà accreditato ai sensi del regolamento ministeriale di cui all’articolo 2, comma 148, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito dalla legge 24 novembre 2006, n. 286.

 

ESAMI SUPERATI COME "CORSO SINGOLO" IN ALTRO ATENEO

CONTEMPORANEAMENTE ALL'ISCRIZIONE PRESSO L'UNIVERSITA' DI FERRARA

(delibera di massima della Commissione crediti e opzioni - seduta del 2 aprile 2019)

 

Viene autorizzato SOLO il riconoscimento di esami collocabili nell'attività a scelta dello studente, nei limiti di massimo 24 crediti per il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza e di massimo 12 crediti per il corso di laurea in Operatore dei servizi giuridici. NON VIENE AUTORIZZATO, nemmeno in forma parziale, il riconoscimento di esami relativi a insegnamenti obbligatori di tutti i corsi di studio attivati presso il Dipartimento di Giurisprudenza.

 

REVIVISCENZA DI STUDENTI DECADUTI

 

Gli studenti dell'Università di Ferrara decaduti in corsi di studio già attivati nel nostro Dipartimento possono fare ISTANZA DI RICONOSCIMENTO CREDITI (se intenzionati a immatricolarsi ex-novo in uno dei corsi di studio attualmente attivati) oppure fare ISTANZA DI REVIVISCENZA nel corso di studio (attivato o disattivato) nel quale la loro carriera si è interrotta.

Nel primo caso si tratterà di una "nuova" IMMATRICOLAZIONE CON ABBREVIAZIONE DI CARRIERA, per la quale la Commissione crediti e opzioni, in sede di riconoscimento, seguirà le linee guida esposte nello specifico paragrafo.

Nel caso, invece, di istanza di reviviscenza sul vecchio corso di studio LA COMMISSIONE valuterà le motivazioni addotte dal richiedente e POTRA' ACCOGLIERE O RESPINGERE LA RICHIESTA sulla base del percorso universitario portato avanti dallo studente prima della decadenza. In caso di accoglimento dell'istanza lo studente avrà L'OBBLIGO di superare un esame entro il termine dell'anno accademico di riammissione, pena la decadenza definitiva e irreversibile.

Per gli studenti decaduti presso altri atenei sarà percorribile SOLO la strada dell'immatricolazione con abbreviazione di carriera a uno dei nostri corsi di studio attualmente attivati.