Tirocini curriculari

Il tirocinio curricolare è un’esperienza pratica temporanea che lo studente svolge presso un’impresa, un ente, uno studio professionale o un’altra organizzazione. Si tratta di un’esperienza durante la quale lo studente fa pratica del sapere acquisito, che integra e completa la formazione universitaria con il fine di “agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro e (di) realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro” (DM 142/98).

L'attività di tirocinio, per essere autorizzata dal Dipartimento ed essere inserita nel percorso formativo, dovrà coinvolgere lo studente in tematiche realmente attinenti ai suoi studi.

Il tirocinio ha una durata di 150 ore e può essere inserito nel piano di studi per 6 crediti ESCLUSIVAMENTE come attività a scelta libera (D).

 

Relativamente alle modalità di attivazione e di gestione si prega di seguire fedelmente l'iter sotto riportato.

 

NOTE PRELIMINARI

 

Dal 1° marzo 2017 è stata implementata dall'Ateneo una nuova procedura per l'attivazione dei tirocini curricolari gestita amministrativamente dal Job Centre. Tutti i riferimenti del caso sono reperibili al seguente link: http://www.unife.it/studenti/tirocini-placement/curricolari/tirocinio-curricolare-almalaurea

Condizione necessaria per attivare un tirocinio è che la struttura ospitante abbia una convenzione in essere con l'Università di Ferrara.

Gli attori fondamentali del tirocinio sono tre: 1) LO STUDENTE; 2) IL TUTOR DIDATTICO; 3) IL TUTOR AZIENDALE.

Se scelta dallo studente nel proprio piano di studi, l'attività di tirocinio viene consigliata  in chiave preparatoria alla tesi di laurea e sotto al guida del docente che prevedibilmente verrà scelto come relatore.

 

 

COSA DEVE FARE LO STUDENTE

PRIMA

 

  1. Il primo passo sarà individuare autonomamente un ufficio/ente/studio/ditta presso cui svolgere il tirocinio.
  2. Subito dopo lo studente dovrà concordare con il tutor aziendale (garantito dalla struttura ospitante) un mansionario che poi sottoporrà, in Dipartimento, all'attenzione di un tutor didattico, il quale valuterà se esso sia congruo (o da rivedere) per poter autorizzare l'esperienza. Il tutor didattico andrà individuato e contattato dallo studente stesso fra i docenti/contrattisti titolari di insegnamento nel settore scientifico-disciplinare affine ai contenuti previsti nel mansionario proposto.
  3. Solo ed esclusivamente DOPO aver avuto il parere positivo del tutor didattico all'attivazione del tirocinio, lo studente dovrà verificare tramite la piattaforma di AlmaLaurea che la struttura ospitante sia già convenzionata con l’Università di Ferrara  e, qualora non lo fosse, dovrà attivarsi personalmente per far sì che la stessa si registri per poter poi stipulare la CONVENZIONE stessa.
  4. Una volta definiti fra le parti i contenuti del mansionario e dopo che studente e struttura ospitante si saranno registrati sulla piattaforma AlmaLaurea , la struttura ospitante potrà inserire nella medesima il PROGETTO FORMATIVO proposto per il tirocinio.
  5. Lo studente, PRIMA DELL'INSERIMENTO DEL PROGETTO FORMATIVO, avrà altresì l'obbligo di comunicare tempestivamente al tutor aziendale il nome del tutor didattico, in modo che esso venga precisato con chiarezza (in forma discorsiva) dalla struttura ospitante nel campo testuale riservato, sulla piattaforma, alla stesura del progetto formativo stesso (sezione "OBIETTIVI E MODALITA' DEL TIROCINIO").

 

ATTENZIONE: Il PROGETTO FORMATIVO dovrà essere inserito in piattaforma da parte dell'Azienda / Ente almeno 15 GIORNI prima della data di inizio del tirocinio.

DURANTE
  1. Durante lo svolgimento del tirocinio, lo studente compilerà i fogli presenza mensili (1 ogni mese solare) (link), da consegnare al tutor didattico a fine esperienza.
DOPO
  1. Una volta conclusa l’esperienza di tirocinio, lo studente (come previsto dalla delibera del Consiglio della Facoltà di Giurisprudenza del 03 novembre 2011) redigerà una tesina – INDICATIVAMENTE FRA LE 15.000 E LE 30.000 BATTUTE - che illustri gli aspetti giuridicamente rilevanti contenuti nell'esperienza svolta e con specifica attinenza al progetto formativo stabilito per farla valutare al tutor didattico.
  2. Sarà cura dello studente, RICEVUTA DAL PROPRIO TUTOR DIDATTICO LA COMUNICAZIONE DEL VOTO, iscriversi on-line agli appelli del docente titolare per la verbalizzazione (prof. Marcello Farneti) e presentarsi con libretto in tali date per vedersi registrato il voto di Tirocinio (6 crediti).
  3. Nell'area riservata allo studente sulla nuova piattaforma, gli sarà possibile scaricare un attestato di fine tirocinio, che dovrà consegnare al proprio tutor didattico insieme alla tesina finale.

 

COSA DEVE FARE IL TUTOR DIDATTICO

 

 

 

PRIMA

A seguire lo studente come tutor didattico sarà un docente (o contrattista) di settore scientifico-disciplinare affine ai contenuti del tirocinio. I contatti per l'individuazione del tutor didattico sono a carico dello studente.

 

  1. Il tutor didattico dovrà inizialmente approvare o eventualmente rivedere (in quest'ulimo caso rapportandosi con la controparte) i contenuti del progetto formativo proposto dal tutor aziendale tramite lo studente prima dell'inizio dell'esperienza. IL PROGETTO FORMATIVO DOVRA' ESSERE CONCORDATO IN OGNI SUO DETTAGLIO prima del caricamento del medesimo sulla piattaforma.
  2. E' suo compito discutere con lo studente i contenuti del tirocinio.
  3. In caso di approvazione del progetto formativo, dovrà comunicare al dott. Sebastiano Rizzioli il nominativo del proprio tirocinante, ai fini della verbalizzazione finale del voto.
DOPO
  1. Terminata l’attività di tirocinio, il tutor didattico valuterà la tesina redatta dallo studente sugli aspetti giuridicamente rilevanti contenuti nell'esperienza svolta e con specifica attinenza al progetto formativo stabilito: a essa lo studente allegherà anche copia dell’attestato di fine tirocinio scaricato dalla piattaforma.
  2. Sulla base dei due elementi suddetti il tutor didattico deciderà il voto da assegnare allo studente e lo comunicherà al dott. Sebastiano Rizzioli per la verbalizzazione ufficiale.

INSERIMENTO IN PIANO DI STUDI

 

Per potere sfruttare il tirocinio curricolare nella propria carriera universitaria è necessario che lo studente inserisca l’esame di Tirocinio (6 crediti, attività a scelta libera) nel suo piano di studi secondo quanto previsto nella descrizione del percorso di formazione del corso di laurea cui è iscritto.


COSA FARE A FINE STAGE?

VALUTAZIONE E VERBALIZZAZIONE DEL VOTO

 

Lo studente redigerà una tesina sull'attività svolta nel periodo di tirocinio - indicativamente fra le 15.000 e le 30.000 battute - che illustri gli aspetti giuridicamente rilevanti contenuti nell'esperienza svolta e con specifica attinenza al progetto formativo stabilito per farla valutare al tutor didattico.

Il tutor didattico valuterà la tesina sopracitata decidendo la votazione da attribuire.

Il voto sarà comunicato dal tutor didattico al dott. Sebastiano Rizzioli per la verbalizzazione ufficiale. La verbalizzazione sarà possibile solamente a fronte dell'iscrizione on-line dello studente alle liste di appello d'esame e della sua conseguente presenza alla data dello stesso.

 

NB: il Prof. Farneti non procederà a registrazioni in caso di:
  • Mancata comunicazione del voto da parte del tutor didattico;
  • Mancata iscrizione all’appello di Tirocinio da parte dello studente;
  • Mancata maturazione dell’attestazione di frequenza dell’esame di Tirocinio.

Ulteriori informazioni sui Tirocini curricolari sono disponibili sul sito web del Job Centre.